Zaanse Schans: i Mulini a Vento vicino Amsterdam

Se vi trovate in Olanda, i mulini a vento di Zaanse Schans, nei dintorni di Amsterdam, sono una delle mete turistiche che vi consiglio assolutamente di non perdere.

Benché queste strutture siano da sempre considerate uno dei simboli dei Paesi Bassi, non sono molti i gruppi di mulini a vento vicino Amsterdam, ad eccezione appunto di Zaanse Schans. Come spiegherò al termine di questo articolo, ciò rende il luogo facilmente visitabile in giornata per chi soggiorna nella capitale olandese.

Per fare un paragone, la più famosa località di Kinderdijk, per quanto bella, si trova nel bel mezzo del nulla, ed è quindi complicato visitarla se si ha poco tempo a disposizione.

Inoltre, Zaanse Schans non è soltanto un gruppo di mulini a vento, ma un caratteristico villaggio che sembra essere uscito direttamente fuori dall’Olanda del ‘700.

Visitare Zaanse Schans: un Salto Indietro nel Tempo

Dal punto di vista amministrativo, Zaanse Schans è un quartiere della città di Zaandam (20Km da Amesterdam). Entrambi i toponimi, come i nomi di tante località della zona, derivano dal fiume più importante della regione, lo Zaan. Le calme acque di questo fiume sono quelle che fanno da sfondo ai mulini a vento in molte delle foto che vedete in questo articolo. Qui sotto una panoramica con 5 dei principali mulini (tratta da Wikipedia).

panoramica dei mulini a vento di Zaanse Schans

I mulini a vento di Zaanse Schans oggi esistenti, una quindicina, sono soltanto una minima parte di quelli qui presenti un tempo. Fino all’800, se ne potevano contare a centinaia, adibiti alle funzioni più disparate. Potevano essere usati per macinare le spezie o la farina, come frantoio per l’olio, per frantumare pietre da usare come materiale di costruzione, e così via…

Con l’avanzare del progresso tecnologico, però, i mulini furono rapidamente rimpiazzati con i più efficienti motori a vapore. Nel 1925 si decise di tutelare quelli rimasti in quest’area, così da tramandarli alle generazioni future.

Oltre ai mulini a vento, Zaanse Schans conta una quarantina di antiche casette in legno, che per lo più ospitano minuscoli musei o botteghe di vario genere. Tutte le attività commerciali sono incentrate sulla cultura tradizionale olandese. Troverete quindi la bottega degli zoccoli, un caseificio che vende formaggi tipici, una distilleria, un negozio di ceramiche di Delft, e così via…

L’intero villaggio si sviluppa attorno ad un percorso pedonale e ciclabile che costeggia il fiume, passando accanto agli imponenti mulini.

casetta tradizionale a zaanse schansDa questo viale si diramano stretti viottoli che raggiungono le case in posizione più defilata, prima di perdersi negli sconfinati campi circostanti. Tanti sono i canali che attraversano l’area del villaggio, che potrete attraversare grazie a piccoli ponticelli di legno. Alcune case si affacciano sui canali, nei quali nuotano tranquilli papere e cigni, mentre altre danno direttamente sul fiume.

La modernità sembra essere stata bandita da questo luogo: pensate addirittura che i residenti (impiegati nelle varie attività commerciali) vestono in abiti tradizionali seicenteschi. L’impressione generale è quella di essere finiti dentro una fiaba.

Un villaggio rimasto quindi magicamente intatto con il passare dei secoli? Non esattamente. Fino a qualche decennio fa, la zona di Zaanse Schans era un’anonima area industriale senza troppe attrattive, ai margini di una grande città.

All’inizio degli anni ’60, fu però fondata la Zaanse Schans Foundation, col preciso scopo di ricreare e promuovere un tipico villaggio olandese preindustriale.

Buona parte dei mulini a vento sopravvissuti nella zona di Zaandam furono così rimossi dalla propria collocazione e spostati sulla riva sinistra del fiume, a Zaanse Schans, appunto. Allo stesso modo, per diversi decenni, molti degli edifici più antichi presenti nell’area circostante sono stati smontati, trasportati a Zaanse Schans, e poi riassemblati.

Benché progettato a tavolino, il villaggio mantiene quindi una certa autenticità: sia i mulini a vento (quasi tutti) che le altre strutture sono effettivamente originali. Soltanto alcune degli edifici sono stati costruiti in tempi recenti, rispettando comunque lo stile tradizionale.

Cosa Vedere a Zaanse Schans

Nonostante il posto sia piuttosto piccolo, le cose da fare e da vedere a Zaanse Schans sono parecchie.

I Mulini a Vento di Zaanse Schans

Visitare i Mulini a Vento

Le attrazioni principali di Zaanse Schans restano ovviamente i mulini a vento, molti dei quali aperti al pubblico per le visite. Vediamone assieme qualcuno in particolare.

  • De Huisman è il mulino in primo piano nella foto di copertina di questo articolo. Risale al 1786 e nel 1955 è stato spostato qui dal centro di Zaandam. Attualmente, viene utilizzato per la produzione di spezie, in vendita peraltro nel negozietto alla sua base. In passato, è stato però impiegato per la lavorazione del tabacco e come segheria.
  • De Gekroonde Poelenburg è un mulino costruito originariamente nella seconda metà dell’800, spostato qui nel 1963. È uno dei due mulini-segheria presenti a Zaanse Schans: potete entrare al suo interno per osservarne il funzionamento.
  • De Kat è invece un mulino usato attualmente per la produzione di pigmenti colorati. A quanto pare, è l’unico esistente al mondo impiegato a tale scopo. La sua costruzione originale risale al 1646, quando era però usato come frantoio. Nel 1782 fu distrutto da un incendio e subito ricostruito, rimanendo in funzione fino ai primi anni del ‘900.
  • Anche il mulino De Zoeker ha un’origine molto antica: si ritiene che la sua costruzione risalga al 1610. Attualmente il mulino è impiegato per la produzione di olio vegetale, sebbene sia stato utilizzato, nel corso della sua lunga storia, anche per impieghi differenti.
  • Het Jonge Schaap è l’altro mulino-segheria di Zaanse Schans, ma si tratta soltanto di una replica realizzata nel 2007. Quello originale risaliva al 1680 e fu, ahimè, demolito negli anni ’40.
  • De Bonte Hen, che tradotto significa qualcosa come “la gallina maculata“, è un mulino risalente al 1693, restaurato nel corso degli anni ’70. È il mulino situato più a nord, e quindi quello più distante dal “centro” di Zaanse Schans. Oggi come in passato viene anch’esso impiegato per la produzione di olio.
  • De Os (“il bue“) lo riconoscerete subito: è l’unico mulino a vento di Zaanse Schans… senza pale. La sua costruzione risale al 1663 ed è quindi tra quelli più antichi del sito. Come ogni mulino che si rispetti, anche questo era originariamente alimentato ad energia eolica, ma nel 1916 fu convertito a diesel, restando in funzione fino agli anni ’30. Anche se a vederlo può esercitare meno fascino rispetto ai suoi vicini, porta l’importante testimonianza della transizione da una fonte di energia all’altra: una svolta storica.

i mulini a vento di Zaanse Schans in Olanda

I mulini a vento di Zaanse Schans osservano orari di apertura diversi, che variano in base alla stagione. Per quanto riguarda i prezzi, un biglietto intero costa attualmente 5€ per ognuno di essi. I bambini entrano gratuitamente fino a 6 anni ed è prevista una riduzione per i ragazzi fino a 12.

Visitare i Musei

Come dicevo, oltre ai mulini a vento, Zaanse Schans ospita diversi musei, alcuni dei quali meritano certamente una visita.

Il negozio-museo di Albert Heijn a Zaanse Schans

    • Il moderno Zaans Museum è situato appena fuori dal villaggio, proprio di fronte al parcheggio. Il museo è incentrato sulla storia di Zaandam ed in particolare sulla produzione di cioccolato e biscotti. Al su interno potrete anche ammirare diversi quadri, fra i quali uno di Monet.
    • Nel centro del villaggio troverete anche museo-supermercato Albert Heijn. Si tratta della riproduzione del primo alimentari aperto dal giovane Heijn nel 1887, nella vicina Oostzaan. Oggi la catena di supermercati Albert Heijn è la più importante dei Paesi Bassi e troverete punti vendita un po’ ovunque.
    • A Zaanse Schans esiste anche il Museo del Tempo (o “degli orologi”) all’interno del quale sono mostrati migliaia di esemplari di orologi di ogni tipo, alcuni antichissimi, e quasi tutti perfettamente funzionanti.

La “Zaanse Schans Card”

Se avete intenzione di visitare diverse attrazioni del posto, potreste optare per l’acquisto della Zaanse Schans Card. Questa card turistica dà accesso gratuito ad alcuni dei musei (incluso il Zaans Museum) e ad un mulino a vostra scelta. Potrete inoltre beneficiare di forti sconti sulle escursioni in barca (di base non esattamente economiche) e sugli acquisti presso alcuni negozi convenzionati.

Il costo è di 15€ per gli adulti e di 10€ per i bambini. Potete acquistare la carta in diversi punti nel paese e presso il Zaanse Museum.

Shopping

Le possibilità di fare shopping, nonostante il posto sia molto piccolo, sono pressoché infinite. Trattandosi di un luogo frequentatissimo dai turisti ci sono souvenir di ogni genere, inclusi pregiati oggetti d’artigianato (gli zoccoli di legno, ad esempio). Gli acquisti più caratteristici restano comunque gli alimentari: formaggi, sicuramente, ma soprattutto il cioccolato e ed in generale i prodotti a base di cacao.

Escursioni e Attività

A Zaanse Schans è anche presente un piccolo noleggio di biciclette, situato lungo l’unica strada vera e propria del paesino, poco oltre il nucleo principale del villaggio. Noleggiare una bici può rappresentare un ottimo modo per andare alla scoperta dell’area circostante. Ad esempio potreste visitare il quartiere di Zaandijk, sulla riva opposta del fiume (foto sotto).

zaandijk, cittadina olandese vicino ai mulini a vento

Durante l’estate, potrete anche prendere parte ad una gita in battello sul fiume Zaan, così da ammirare Zaanse Schans da un punto di vista diverso. Sono presenti diverse compagnie che offrono escursioni di questo genere. A quanto pare è anche possibile salire a bordo di una “koeienboot“, l’imbarcazione utilizzata per il trasporto delle mucche, ma non ho trovato informazioni aggiornate in merito.

Le mie opinioni su Zaanse Schans: ne vale la pena?

Ho letto diverse opinioni su Zaanse Schans secondo le quali il luogo è sì molto bello, ma “troppo turistico“. È buffo, perché io, visitandolo, ho avuto proprio l’impressione opposta, ma posso d’altronde spiegarmelo facilmente.

Quando sono andato a Zaanse Schanse, non avevo la più vaga idea di cosa stessi visitando: non conoscevo minimamente la storia del villaggio, non sapevo che fosse stato realizzato su misura per raccontare come si vivesse in Olanda durante il “Secolo d’Oro“. Non sapevo della presenza dei musei né di un’associazione che gestisce il tutto. Sapevo soltanto che avrei potuto vedere e – soprattutto – fotografare i mulini a vento.

Inoltre, sono arrivato nel tardo pomeriggio e tutte le attività erano rigorosamente chiuse. Ad eccezione di pochi turisti sparsi qua e là, il luogo era completamente deserto. Insomma, immaginate la mia sorpresa nel ritrovarmi nel bel mezzo di questo villaggio incantato: “Ma dove diavolo sono finito?”. Tornato in hotel, ad Amsterdam, e fatta qualche ricerca più approfondita, tutto mi è stato più chiaro.

Anche se mi sarebbe piaciuto vedere i mulini a vento in funzione o entrare nel museo degli orologi, credo che visitare Zaanse Schanse in mezzo ad orde di turisti avrebbe inevitabilmente tolto parecchio del suo fascino, ai miei occhi. Ad ogni modo, è uno di quei posti nei quali ho già deciso che ritornerò al più presto.

In definitiva, vista anche la facilità con la quale potete raggiungere Zaanse Schanse, vi consiglio vivamente di dedicargli qualche ora se alloggiate ad Amsterdam o nelle vicinanze.

Come arrivare a Zaanse Schans

Grazie alla straordinaria efficienza del trasporto pubblico olandese e la vicinanza ad Amsterdam, arrivare a Zaanse Schans è facilissimo.

In Treno

Raggiungere Zaanse Schans in treno è probabilmente l’opzione migliore. Dalla stazione principale di Amsterdam (Amsterdam Centraal) basterà prendere un treno locale, lo “Sprinter” diretto ad Uitgeest e scendere alla quarta fermata, “Zaandijk Zaanse Schans“. Il tragitto dura meno di venti minuti ed i treni partono in genere ogni 10 o 20 minuti. Scesi dal treno, vi aspetta una passeggiata di circa 15-20 minuti: oltrepassato il ponte Julianabrug Zaandijk (che offre una splendida vista su tutti i principali mulini) vi ritroverete praticamente all’ingresso del villaggio.

Il prezzo del biglietto intero è di €3,30 a tratta, ma dovrete essere già in possesso di una OV Card.

In Bus

In alternativa, sempre partendo da Amsterdam, potete arrivare a Zaanse Schans in autobus. I collegamenti sono anche in questo caso molto frequenti (ogni 15 minuti nelle ore di punta) ed il punto di partenza è pressoché lo stesso: la stazione degli autobus principale di Amsterdam, accanto alla stazione dei treni. Il bus offre il vantaggio di lasciarvi proprio all’ingresso del villaggio, di fronte al Zaanse Museum. Il tragitto richiede però un po’ più di tempo: quasi tre quarti d’ora.

Il costo del biglietto è di €6 a tratta a persona, ma potete anche acquistare il pass giornaliero (valido per tutta l’area intorno ad Amsterdam) ad 11,50€. Il biglietto per i bambini al di sotto degli 11 anni costa invece solo 1€.

In Auto e Bici

Potete ovviamente anche raggiungere Zaanse Schans in auto: nei pressi del museo è presente un ampio parcheggio. Il prezzo è di €10 per le auto e di €22 per i camper, per l’intera giornata.

Categorie Olanda

Lascia un commento